Gnocco di ricotta “aio oio e bottarga”

AutoreFondazione Paladini

Ricetta contenuta nella pubblicazione "Nutrirsi con gusto" a cura di Mauro Uliassi e Paolo Piaggesi

ATTREZZATURE: frusta; cucchiaio di legno; casseruola; padella antiaderente; attrezzo per spatzle/passatelli; grattugia.

PUNTI CRITICI E SUGGERIMENTI: una volta messo l’impasto nello schiacciapatate consigliamo di aiutarvi con un coltellino unto a tagliare l’impasto che esce dai fori. Fatti cadere gli gnocchi in acqua bollente, aspettare un minuto prima di mescolare per non deformarli troppo.

CONSIGLI SULLO STOCCAGGIO/CONSERVAZIONE/RIGENERAZIONE DELLE PORZIONI: si possono congelare gli gnocchetti cotti ungendoli bene, poi all'occorrenza andranno versati in abbondante acqua salata per scongelarli e liberarli dall'olio, poi vanno conditi a piacere.

STAGIONALITA' DEI PRODOTTI: reperibilità dei prodotti tutto l'anno.

VARIANTI: la ricotta usata può essere sostituita da un caprino fresco, l’impasto può essere arricchito con puree di verdura di stagione.

IMPORTANTE: LE DECORAZIONI SONO SOLO A SCOPO ILLUSTRATIVO.

TweetSalvaCondividi
Rese10 Portate
 400 g ricotta di pecora
 250 g circa di farina
 4 uova
 100 g parmigiano reggiano
 sale pepe
 100 ml olio
 50 g bottarga di tonno o muggine
 5 spicchi di aglio
1

Passare la ricotta al setaccio ed amalgamarla alle uova.

2

Aggiungere metà del parmigiano e la farina. A seconda della morbidezza della ricotta, la farina potrebbe variare di 50 gr. in più o in meno.

3

Provare l’impasto in acqua bollente salata facendolo scendere dall’apposito attrezzo per “spatze”, oppure si può usare quello dei passatelli grandi (schiaccia patate).
All’occorrenza correggere con altra farina per averli più duri o aggiungere altra ricotta per ammorbidirli.

4

Cuocerne un poco alla volta e al bollore scolarli e raffreddarli in acqua.

5

Far soffriggere lentamente l’aglio nell’olio poi, dopo aver tolto l’aglio, usarlo per saltarci la pasta.

6

Mantecare aggiungendo la bottarga grattugiata.

CategoriaLivelli di dieta

Ingredienti

 400 g ricotta di pecora
 250 g circa di farina
 4 uova
 100 g parmigiano reggiano
 sale pepe
 100 ml olio
 50 g bottarga di tonno o muggine
 5 spicchi di aglio

Passaggi

1

Passare la ricotta al setaccio ed amalgamarla alle uova.

2

Aggiungere metà del parmigiano e la farina. A seconda della morbidezza della ricotta, la farina potrebbe variare di 50 gr. in più o in meno.

3

Provare l’impasto in acqua bollente salata facendolo scendere dall’apposito attrezzo per “spatze”, oppure si può usare quello dei passatelli grandi (schiaccia patate).
All’occorrenza correggere con altra farina per averli più duri o aggiungere altra ricotta per ammorbidirli.

4

Cuocerne un poco alla volta e al bollore scolarli e raffreddarli in acqua.

5

Far soffriggere lentamente l’aglio nell’olio poi, dopo aver tolto l’aglio, usarlo per saltarci la pasta.

6

Mantecare aggiungendo la bottarga grattugiata.

Gnocco di ricotta “aio oio e bottarga”

Lascia un commento